Ferdinando Fioretto vince il Mario Gerla Award

Ferdinando Fioretto

Il 9 dicembre 2021 si e’ svolta in modalita’ remota la giornata delle premiazioni della ISSNAF (Fondazione dei ricercatori e studenti di origine italiana nell’America del Nord). Presiede la riunione la dr.ssa Cinzia Zuffada (NASA/JPL) presidentessa della fondazione che coinvolge circa 3000 ricercatori italo-americani. Dopo la introduzione della ambasciatrice italiana in USA, Mariangela Zappia, che ricorda l’importanza dei vari premi erogati e del ruolo dei nostri ricercatori in USA, e della professoressa Maria Cristina Messa, ministro della Università e Ricerca, che si è congratulata con la associazione per tutto il lavoro svolto negli anni ed ha presentato brevemente le nuove prospettive di ricerca in Italia, il prof Alberto Salleo della Stanford University introduce i premiati nelle varie categorie.

Dopo il premio “alla carriera” al prof Silvio Micali, già Turing Award (l’equivalente del premio Nobel per l’Informatica), al dr Ferdinando Fioretto viene assegnato il “Mario Gerla Award for Young Investigators in Computer Science”. Tra le motivazioni del premio l’impatto in vari scenari applicativi dei suoi risultati sulle tecniche di ottimizzazione multiagente, distribuita e della loro integrazione con l’apprendimento profondo. Presente alla premiazione la moglie del compianto prof Gerla, distinguished Professor e Chair of the Department of Computer Science presso la University of California, Los Angeles (UCLA), e per decenni figura di riferimento nella ricerca sulle reti di calcolatori.

Ferdinando, che ha conseguito il dottorato di ricerca in Informatica presso l’Università di Udine nel 2016 (titolo in co-tutela con la New Mexico State University), già vincitore del premio per tesi di dottorato dell’Associazione Italiana di Intelligenza Artificiale è ora Assistant Professor presso la Syracuse University (NY). Durante la presentazione ha avuto modo di ringraziare i suoi supervisori Agostino Dovier ed Enrico Pontelli e l’Università di Udine.

Alla cerimonia sono stati premiati anche giovani ricercatori nell’area della sostenibilità, della ricerca sul cancro, dell’ingegneria navale, e delle tecnologie per la diffusione della cultura.