La matematica immanente (e limitata) di Aristotele: alcuni spunti per una lettura non banalizzante